AREA TECNICA

Cosa è il grès porcellanato?

Il grès porcellanato, nelle sue diverse finiture superficiali, è composto da una miscela di polveri e granuli non metallici di diverse dimensioni e colori (materie prime), simile a quella utilizzata per la realizzazione di sanitari e stoviglie. Il "grès" è dunque un materiale "vetrificato", inassorbente con elevate caratteristiche tecniche che garantiscono una resistenza all’usura illimitata nel tempo. L'aggettivo "porcellanato" deriva dall’utilizzo di un’argilla bianca che viene impiegata anche per la produzione di porcellana. Il complesso processo di cottura a temperature estremamente elevate, trasformano le pregiate materie prime in piastrelle di grès porcellanato resistenti al gelo, agli attacchi acidi, con un'elevata resistenza meccanica, igieniche e caratterizzate da una raffinata eleganza estetica.

Cosa sono le piastrelle in monocottura?

Sono il risultato di un unico passaggio di cottura ad elevate temperature, procedura che esalta i colori e i decori realizzati in superficie.
Ceramiche così ottenute si contraddistinguono per una scarsa porosità e una resistenza elevata, caratteristica che le rende adatte anche agli spazi più soggetti a macchie, usura e umidità, come bagno e cucina.

Cosa sono le piastrelle in bicottura?

Sono piastrelle ottenute attraverso un processo di doppia cottura, la prima per il supporto e la seconda per lo smalto.
Questo tipo di ceramica vanta una particolare nitidezza cromatica e consente di liberare la fantasia decorativa, applicando sulla superficie sfumature e ottenendo effetti estetici anche molto complessi. Si tratta di una ceramica principalmente utilizzata per il rivestimento d’interni.
Questa tipologia presenta ritiri durante la cottura praticamente nulli, tale costanza dimensionale si traduce in una notevole facilità di posa.

Piastrelle in grès porcellanato smaltato?

Le piastrelle in grès porcellanato smaltato si ottengono per pressatura e si caratterizzano per un’elevata compattezza e per una porosità quasi nulla.
Questa ceramica è arricchita da applicazioni di smaltatura sulla superficie ed è particolarmente indicata per i pavimenti di spazi residenziali, ma anche per ambienti pubblici, come negozi, boutique o ristoranti. Il grès porcellanato smaltato è fornito in un’ampia gamma di formati e superfici.

Cosa è il calibro di una piastrella?

Il calibro è la dimensione di fabbricazione delle piastrelle.
Per motivi legati alle tecnologie di fabbricazione, le piastrelle uscite dal forno possono essere di dimensioni lievemente diverse. Per questo, in fase di scelta, vengono raggruppate in lotti della stessa dimensione, nel rispetto delle tolleranze stabilite dalle norme.
Il calibro delle piastrelle è riportato sulla confezione nel modo seguente:
20 x 20 cm (W 198 mm x 198 mm) dove 198 mm è appunto la dimensione di fabbricazione.

Che cosa si intende per piastrella rettificata?

La rettifica è la procedura, eseguita con macchine da taglio, che permette di ottenere una piastrella di ceramica con bordi perfettamente squadrati e monocalibro. Di conseguenza è possibile effettuare la posa delle piastrelle a giunto minimo, con fughe quasi impercettibili.

Spessore delle piastrelle

Lo spessore è variabile, mediamente è di 8/10 mm. Le piastrelle spessorate sono indicate per utilizzi particolari e possono arrivare a superare i 20 mm. Recentemente sono state introdotte piastrelle sottilissime, a partire dai 3 mm di spessore, con cui vengono in genere realizzate lastre di grosse dimensioni(fino a formati di 1,60x3,20 metri).

Grès porcellanato strutturato

Il grès porcellanato strutturato presenta una superficie molto ruvida e opaca ed è particolarmente indicato per pavimentazioni esterne.

Che cosa si intende per piastrella rettificata?

La rettifica è la procedura, eseguita con macchine da taglio, che permette di ottenere una piastrella di ceramica con bordi perfettamente squadrati e monocalibro. Di conseguenza è possibile effettuare la posa delle piastrelle a giunto minimo, con fughe quasi impercettibili.

Piastrelle in grès porcellanato a tutto spessore

Pavimenti e rivestimenti in grès porcellanato a tutto spessore sono poco porosi e presentano un’elevata compattezza.
Questa ceramica si ottiene per pressatura e si caratterizza per un’elevata resistenza: la piastrella mostra in superficie gli stessi colori che ne attraversano il corpo. Una peculiarità, questa, che in caso di scheggiatura risulta particolarmente vincente, perché il danno estetico sarà ridotto al minimo.
Per questa ragione il grès porcellanato a tutto spessore si presta bene per essere posato anche in spazi a elevato calpestio e soggetti ad alta frequentazione.

Che caratteristiche devono avere le piastrelle da esterno?

Generalmente tutti i pavimenti per esterni devono essere: impermeabili, antiscivolo e antigelivo resistenti ai carichi, resistenti agli agenti atmosferici e agli sbalzi di temperatura, a bassa propensione alle muffe e alle macchie, tutte caratteristiche che troviamo nel gres porcellanato e dove comunque tale possibilità d’suo viene in genere esplicitamente indicata.
 Tali caratteristiche sono indicate nelle schede tecniche e nei cataloghi dei prodotti, corredati anche di tutti i parametri di riferimento in base alle normative europee (EN) e a quelle internazionale (ISO).
 Ad esempio per misurare il coefficiente di sicurezza allo scivolamento delle piastrelle ceramiche molti produttori si riferiscono al metodo tedesco della DIN 51130 che distingue alcune classi di scivolosità e le indicazioni dei rispettivi ambienti di utilizzo ( R9 - zone di ingresso e scale con accesso dall’esterno; R10 - bagni e docce comuni; fino alla R13 - ambienti con grosse quantità di grassi).

Cosa si intende per scelta?

La scelta è il processo di classificazione delle piastrelle di ceramica, nel rispetto delle normative, in base ai difetti. La piastrella infatti può essere di Prima Scelta, cioè senza difetti, Seconda o Terza Scelta (poco omogenee, con alcune sbeccature, ecc.).
Tutti i prodotti che trovi su iTile sono esclusivamente di Prima Scelta.

Cos’è il tono?

Il tono è lo scostamento cromatico che può avere un lotto di piastrelle di ceramica dal campione di riferimento. Nella produzione industriale è quasi impossibile ottenere prodotti ceramici di identica tonalità cromatica. Si procede quindi a raggruppare le piastrelle di ceramica per omogeneità di colore, cioè per tono (spesso indicato sulla confezione con lettera e numero, es. A48).

Piastrella Stonalizzata

Ogni piastrella ha una propria tonalità. Con “stonalizzazione” si intende un passaggio di gradazioni cromatiche visibili e non armonizzabili. Indica la differenza di tono delle singole piastrelle come non omogenee tra di loro.
La “stonalizzazione” di una serie identifica un valore estetico che deriva dal materiale originario da cui si ispira (es: marmi e legni in natura sono fortemente stonalizzati, le sabbie molto uniformi).
V1= uniforme; V2= lieve stonalizzazione; V3= moderata stonalizzazione; V4= forte stonalizzazione.

Finitura naturale

Si realizza durante il processo di produzione, solitamente liscia o con leggeri movimenti della superficie.

Finitura satinata

Lavorazione meccanica applicata a una superficie strutturata che ne accentua la morbidezza donando un aspetto visivo simile alla ceratura.

Finitura levigata

Il grès porcellanato viene sottoposto a levigatura in fase di produzione ottenendo in questo modo la finitura “levigata”, caratterizzata da una particolare lucentezza a specchio. Questo tipo di lavorazione può rendere il materiale maggiormente “assorbente” e di conseguenza soggetto a macchie, si consiglia perciò di eseguire un trattamento antimacchia.

Finitura lappata

Il grès porcellanato presenta, sulla sua superficie, delle irregolarità, non è perfettamente liscio e presenta un grado di luminosità non molto elevato.
Opposte sono invece le caratteristiche del grès porcellanato “lappato”, il quale è privo di qualsiasi irregolarità, essendo livellato accuratamente per essere reso totalmente liscio.
La lappatura ha il compito di ridurre il più possibile le irregolarità e le imperfezioni della superficie, livellandola e lisciandola il più possibile, in modo da permette di ottenere un pavimento molto luminoso e brillante.